ATP e WTA: Metz, St. Petersburg, Seoul, Guangzhou e Tokyo, parte 2

26 settembre 2015

Tokyo

Nel WTA Premier di Tokyo dotato di un montepremi di 1.000.000 di dollari, il più importante della settimana si sono giocate le 2 semifinali. Belinda Bencic è riuscita a battere Caroline Wozniacki, ex numero 1 del mondo pur non avendo mai vinto uno Slam, per 6-2 6-4. Il primo set è stato dominato dalla svizzera, capace di strappare 2 volte il servizio all’avversaria nel primo e nel settimo gioco, infinito è stato il terzo con ben 15 punti giocati. Anche nel secondo parziale Belinda ha perso il servizio una volta, ma Caroline lo ha fatto per altre 2 e il match si è chiuso al primo match point. Per la svizzera è la quarta finale stagionale dopo quelle di: S’Hertogenbosch persa dall’italiana Camila Giorgi al suo primo titolo in carriera, Eastbourne vinta contro Agnieszka Radwanska e Toronto dove sconfisse 6 finaliste Slam in 6 partite. Questi 2 tornei sono entrambi della categoria Premier.

Agnieszka Radwanska ha sconfitto la Cibulkova con il punteggio di 6-4 6-1. Il primo parziale è molto altalenante e il servizio viene perso diverse volte, come nel game finale che consegna il set alla polacca al primo set point. Il secondo set è nettamente a favore di Aga che concede poco o nulla. La slovacca non tiene mai il servizio e l’unico game che conquista è un break ottenuto a 15. Per la Radwanska la seconda finale in stagione dopo quella persa a Eastbourne contro la Bencic.

Seoul

Al Kia Open di Seoul con 500.000 dollari di montepremi a sorpresa la bielorussa Aliaksandra Sasnovich è riuscita ad arrivare in finale partendo dalle qualificazioni da numero 136 del mondo. Il semifinale ha avuto la meglio su Anna Karolina Schmiedlova in 3 set con il punteggio di 3-6 6-3 6-3. Nell’altra semifinale la rumena Irina-Camelia Begu ha avuto la meglio su Alison Van Uytvanck battuta nettamente per 6-0 6-2. Per la Begu è la quinta finale in carriera con il solo titolo vinto a Tashkent nel 2012.

Guangzhou

Nel torneo di Canton (Guangzhou in inglese) con 500.000 dollari di montepremi la serba Jelena Jankovic ha vinto il titolo spazzando via la ceca Denisa Allertova con un netto 6-2 6-0 in 70 minuti di gioco. La Jankovic si aggiudica così il titolo numero 14 in carriera, il primo WTA del circuito maggiore dell’anno: ricordiamo che aveva vinto anche a Nanchang un torneo della giovane categoria WTA 125s.

Metz

Nel torneo di Metz giocato sul cemento indoor e dotato di un montepremi di €494.310 sono arrivati in finale i 2 francesi rimasti in tabellone. Jo-Wilfried Tsonga ha eliminato il tedesco Philipp Kohlschreiber, sconfitto per 6-3 6-4. Jo è stato molto cinico e nel primo parziale ha approfittato dell’unico break ottenuto per portare a casa il set. Stesso dicasi nel secondo e ultimo parziale.

Gilles Simon è approdato in finale estromettendo Martin Klizan con il punteggio di 6-4 6-4. Non è stato semplice il compito di Gilles sotto 4-2 nel primo set e di 2 game a zero nel secondo, ma in entrambe le occasioni è riuscito a risalire la china e a vincere.

-La finale che Tsonga e Simon disputeranno sarà la terza in cui saranno presenti due tennisti francesi. Le precedenti furono sempre Tsonga vs Simon nel 2013 (vinse Simon) e Haenel vs Gasquet nel 2004 (vinse Haenel).
-Sarà l’ottava edizione del torneo su 13 con almeno un tennista francese in finale.
-Sarà l’ottava edizione del torneo su 13 che vedrà trionfare un tennista francese.
-Qualunque sia il vincitore, diventerà colui che deterrà il maggior numero di titoli a Metz, salendo a quota tre. Sia Tsonga sia Simon sono fermi a quota 2.
-Tsonga raggiunge la sua prima finale del 2015, la prima sul cemento e la prima in un 250. Complessivamente, è la sua 21a finale in carriera. Non arrivava in finale in un torneo dalla Rogers Cup 2014 (dove vinse), in un 250 da Marsiglia 2014.
-Tsonga è alla ricerca del suo 12° titolo, il primo del 2015, il 12° sul cemento (li ha vinti tutti su quella superficie) ed il 9° 250.
-Simon raggiunge la sua seconda finale del 2015, la seconda sul cemento e la seconda in un 250. Complessivamente, è la sua 19a finale in carriera. Non arrivava in finale in un torneo da Marsiglia 2015 (250), dove vinse.
-Simon è alla ricerca del suo 13° titolo, il secondo nel 2015, l’8° sul cemento ed il 12° 250.
-Negli H2H, conduce Tsonga 6-3. Il loro ultimo incontro è stato disputato agli Australian Open 2014, vinse Tsonga.

St. Petersburg

Nel torneo di San Pietroburgo dotato di un montepremi di $1.091.000, Joao Sousa, portoghese testa di serie numero 7 è arrivato in finale grazie alla vittoria per 6-4 7-6 contro l’austriaco Dominic Thiem. Sousa si porta subito avanti per 4-0 e viene parzialmente rimontato, ma riesce a chiudere per 6 giochi a 4. Nel secondo parziale il portoghese recupera un break e vince in tie-break per 7 punti a 5.

Il canadese Milos Raonic ha sconfitto sulla sua superficie preferita lo spagnolo Roberto Bautista Agut che ha perso per 6-2 7-6. Raonic non ha mai perso la battuta e neanche Agut nel secondo parziale, così dopo un primo set dominato il normale epilogo non poteva che essere il tie-break vinto per 7 punti a 2.

-Sousa raggiunge la sua terza finale del 2015, la prima sul cemento e la terza in un 250. Complessivamente, è la sua 6° finale in carriera. Non arrivava in finale in un torneo da Umago 2015 (250). Non vince un torneo da Kuala Lumpur 2013.
-Sousa è alla ricerca del suo 2° titolo, il primo del 2015, il 2° sul cemento (ne ha vinto uno su quella superficie) ed il 2° 250.
-Raonic raggiunge la sua seconda finale del 2015, la seconda sul cemento e la seconda in un 250. Complessivamente, è la sua 15a finale in carriera. Non arrivava in finale in un torneo da Brisbane 2015 (250). Non vince un torneo da Washington 2014.
-Raonic è alla ricerca del suo 7° titolo, il primo nel 2015, il 7° sul cemento (li ha vinti tutti su quella superficie) ed il 6° 250.
-Negli H2H, conduce Raonic 2-0. Il loro ultimo incontro è stato disputato a Montecarlo 2015.

Ringrazio Chip&Charge, ex al1994, per il contributo fondamentale all’articolo.