Il sorteggio: quando l’urna può darti una mano

 

35833029-Flushing-New-York-September-3-2014-US-Open-2014-draw-posted-to-Louis-Armstrong-Stadium-at-the-Billie-Stock-Photo

Il tennis, come tutti sanno, è incentrato su tornei che si giocano a eliminazione diretta composti da tabelloni da 16, 32, 64, 128 giocatori quindi è molto importante chi si affronta durante la competizione. Si dice:”basta vincere 7 partite per aggiudicarsi uno Slam”, questo è vero, ma la struttura dei tabelloni con le tds è impostata in modo tale da incontrare avversari sempre più forti man mano che si passano i turni.

In epoche un po’ lontane si è cercato di ovviamente alla mancata sfida tra top player attraverso la formula del round robin, ossia un girone all’italiana dove ogni tennista affronta tutti gli altri e chi ha ottenuto più vittorie si aggiudica il trofeo. Il difetto di questa formula usata in diversi tornei anche preistorici come nel torneo di Sapicourt del 1910 vinto da Anthony Wilding che sconfisse Maurice Germot e Otto Froitzheim, e ai tempi di Bill Tilden che vinse da professionista a Longwood e Southport, tornei speciali con RR. La formula diventerà fondamentale per il “Masters” non quello che conosciamo oggi, ma quello organizzato a Los Angeles nel tempio del cemento dell’era pre-Open che era il Los Angeles Tennis Club con ai nastri di partenza i migliori del mondo già nel 1956 con: Frank Sedgman, Pancho Segura, Tony Trabert, Rex Hartwig, Jack Kramer. Il termine Masters verrà reitrodotto nel 1970 quando si decise di organizzare un torneo di fine anno con i migliori tennisti che avevano accumulato più punti per contendersi il titolo di “Maestro” formula che rimane ancora oggi. Ma per stare vicini al caro Tommasi la formula è fallace per un semplice motivo, si può vincere il torneo anche perdendo una partita il che va contro una regola non scritta che dice che il vincitore del torneo non dovrebbe mai perdere. Gaglioffe sono stati alcuni tentativi di introdurre questa formula anche nei tornei al di fuori del Masters, come nel 2007 ad Adelaide, Las Vegas, Delray Beach e Vina del Mar.

Oggi ci sarà il sorteggio degli US Open che ci diranno molto su come potrebbe svilupparsi il prossimo Slam, ma vediamo nel dettaglio chi, sulla carta, ha dovuto affrontare i migliori e chi è stato baciata dalla Fortuna. I primi dati che ci permettono di fare una analisi oggettiva risalgono al 1973 quando si inizio a stilare il primo ranking ufficiale a partire dal 23 agosto. in quell’anno vince John Newcombe dovette affrontare Marcello Lara (80), Jim Delaney (84), Ion Tiriac (87), Andrew Pattison (79), Jimmy Connors (10), Ken Rosewall (6) e Jan Kodes (11), quindi vinse il torneo senza affrontare un top 5 (lui era numero 7) con avversari di un certo spessore affrontati a partire dai quarti di finale.Nel 1974 Connors vinse battendo Jeff Borowiak (44), Ove Nils Bengtson (76), John Alexander (22), Jan Kodes (13), Alex Metreveli (15), Roscoe Tanner (21) e Ken Rosewall (6): un tabellone mediamente più difficile di quello di Newcombe del 1973. La sfida più difficile forse fu quella di Rosewall che dovette sconfiggere il semifinale proprio il baffuto australiano numero 2 del mondo.

Vediamo nel dettaglio i vincitori e chi hanno affrontato e soprattutto il loro ranking:

  • Jimmy Connors, 1974: Ken Rosewall (6), Roscoe Tanner (21), Alex Metreveli (15), Jan Kodes (13), John Alexander (22), Ove Nils Bengtson (76), Jeff Borowiak (44)
  • Manuel Orantes, 1975: Jimmy Connors (1), Guillermo Vilas (3), Ilie Nastase (8), Francois Jauffret (47), Han Jurgen Pohmann (55), Sashi Menon (UNR), Bernard Mitton (UNR)
  • Jimmy Connors, 1976: Bjorn Borg (4), Guillermo Vilas (3), Jan Kodes (25), Vitas Gerulaitis (22), Fred Mcnair (122), Peter Fleming (148), Bob Hewitt (58)
  • Guillermo Vilas, 1977: Jimmy Connors (1), Harold Solomon (13), Raymond Moore (42), Jose Higueras (35), Victor Amaya (89), Gene Mayer (77), Manuel Santana (234)
  • Jimmy Connors, 1978 Bjorn Borg (3), John Mcenroe (19), Brian Gottfried (5), Adriano Panatta (25), Pat Dupre (55), Steve Docherty (86), Tom Gullikson (70)
  • John Mcenroe, 1979: Vitas Gerulaitis (5), Jimmy Connors (1), Eddie Dibbs (6), Tom Gorman (53), John Lloyd (66), Ilie Nastase (16), Pavel Slozil (190)
  • John Mcenroe, 1980: Bjorn Borg (1), Jimmy Connors (2), Ivan Lendl (21), Pascal Portes (103), Richard Meyer (146), Steve Krulevitz (152), Christophe Roger Vasselin (169)
  • John Mcenroe, 1981: Bjorn Borg (1), Vitas Gerulaitis (9), Ramesh Krishnan (53), Kevin Curren (UNR), Pat Dupre (53), Tim Gullikson (46), Juan Nunez (185)
  • Jimmy Connors, 1982: Ivan Lendl (UNR), Guillermo Vilas (UNR), Rodney Harmon (UNR), Ilie Nastase (UNR), Jimmy Arias (UNR), Hank Pfister (UNR), Jeff Borowiak (UNR)
  • Jimmy Connors, 1983: Ivan Lendl (3), Bill Scanlon (71), Eliot Teltscher (14), Heinz Gunthardt (85), Bruce Manson (75), Thomas Hogstedt (88), Ramesh Krishnan (100)
  • John McEnroe, 1984: Ivan Lendl (2), Jimmy Connors (3), Gene Mayer (20), Bob Green (132), Kevin Moir (335), Stefan Edberg (22), Colin Dowdeswell (77)
  • Ivan Lendl, 1985: John Mcenroe (1), Jimmy Connors (4), Yannick Noah (6), Jaime Yzaga (266), Horacio De La Pena (57), Bill Scanlon (82), Jay Lapidus (100)
  • Ivan Lendl, 1986: Miloslav Mecir (15), Stefan Edberg (4), Henri Leconte (8), Brad Gilbert (14), Jonas Svensson (47), Robert Seguso (28), Glenn Layendecker (96)
  • Ivan Lendl, 1987: Mats Wilander (3), Jimmy Connors (6), John Mcenroe (9), Anders Jarryd (18), Jim Pugh (67), Jean Philippe Fleurian (78), Barry Moir (122)
  • Mats Wilander, 1988: Ivan Lendl (1), Darren Cahill (33), Emilio Sanchez (21), Mark Woodforde (36), Mikael Pernfors (34), Kevin Curren (22), Greg Holmes (159)
  • Boris Becker, 1989: Ivan Lendl (1), Aaron Krickstein (16), Yannick Noah (23), Mikael Pernfors (25), Miloslav Mecir (22), Derrick Rostagno (65), David Pate (138)
  • Pete Sampras, 1990: Andre Agassi (4), John Mcenroe (20), Ivan Lendl (3), Thomas Muster (6), Jakob Hlasek (27), Peter Lundgren (72), Dan Goldie (88)
  • Stefan Edberg, 1991: Jim Courier (5), Ivan Lendl (3), Javier Sanchez (49), Michael Chang (22), Jim Grabb (121), Jeff Tarango (101), Bryan Shelton (123)
  • Stefan Edberg, 1992: Pete Sampras (3), Michael Chang (4), Ivan Lendl (7), Richard Krajicek (15), Jonas Svensson (71), Jakob Hlasek (28), Luiz Mattar (74)
  • Pete Sampras, 1993: Cedric Pioline (14), Alexander Volkov (15), Michael Chang (7), Thomas Enqvist (61), Arnaud Boetsch (25), Daniel Vacek (96), Fabrice Santoro (54)
  • Andre Agassi, 1994: Michael Stich (4), Todd Martin (9), Thomas Muster (14), Michael Chang (6), Wayne Ferreira (13), Guy Forget (108), Robert Eriksson (327)
  • Pete Sampras, 1995: Andre Agassi (1), Jim Courier (15), Byron Black (70), Todd Martin (16), Mark Philippoussis (93), Jaime Yzaga (69), Fernando Meligeni (54)
  • Pete Sampras, 1996: Michael Chang (3), Goran Ivanisevic (6), Alex Corretja (31), Mark Philippoussis (22), Alexander Volkov (78), Jiri Novak (47), Jimy Szymanski (164)
  • Patrick Rafter, 1997: Greg Rusedski (20), Michael Chang (2), Magnus Larsson (30), Andre Agassi (63), Lionel Roux (82), Magnus Norman (24), Andrei Medvedev (22)
  • Patrick Rafter, 1998: Mark Philippoussis (22), Pete Sampras (1), Jonas Bjorkman (12), Goran Ivanisevic (14), David Nainkin (188), Hernan Gumy (104), Hicham Arazi (44)
  • Andre Agassi, 1999: Todd Martin (7), Yevgeny Kafelnikov (3), Nicolas Escude (136), Arnaud Clement (52), Justin Gimelstob (87), Axel Pretzsch (124), Nicklas Kulti (102)
  • Marat Safin, 2000: Pete Sampras (4), Todd Martin (32), Nicolas Kiefer (14), Juan Carlos Ferrero (12), Sebastien Grosjean (28), Gianluca Pozzi (49), Thierry Guardiola (141)
  • Lleyton Hewitt, 2001: Pete Sampras (10), Yevgeny Kafelnikov (7), Andy Roddick (18), Tommy Haas (15), Albert Portas (25), James Blake (95), Magnus Gustafsson (81)
  • Pete Sampras, 2002: Andre Agassi (6), Sjeng Schalken (25), Andy Roddick (11), Tommy Haas (3), Greg Rusedski (35), Kristian Pless (85), Albert Portas (76)
  • Andy Roddick, 2003: Juan Carlos Ferrero (3), David Nalbandian (13), Sjeng Schalken (12), Xavier Malisse (67), Flavio Saretta (49), Ivan Ljubicic (43), Tim Henman (33)
  • Roger Federer, 2004: Lleyton Hewitt (5), Tim Henman (6), Andre Agassi (7), Andrei Pavel (18), Fabrice Santoro (34), Marcos Baghdatis (240), Albert Costa (44)
  • Roger Federer, 2005: Andre Agassi (7), Lleyton Hewitt (4), David Nalbandian (11), Nicolas Kiefer (38), Olivier Rochus (29), Fabrice Santoro (76), Ivo Minar (77)
  • Roger Federer, 2006: Andy Roddick (10), Nikolay Davydenko (6), James Blake (7), Marc Gicquel (79), Vincent Spadea (84), Tim Henman (62), Jimmy Wang (109)
  • Roger Federer, 2007: Novak Djokovic (3), Nikolay Davydenko (4), Andy Roddick (5), Feliciano Lopez (60), John Isner (184), Paul Capdeville (120), Scoville Jenkins (319)
  • Roger Federer, 2008: Andy Murray (6), Novak Djokovic (3), Gilles Muller (130), Igor Andreev (23), Radek Stepanek (30), Thiago Alves (137), Maximo Gonzalez (118)
  • Juan Martín del Potro, 2009: Roger Federer (1), Rafael Nadal (3), Marin Cilic (17), Juan Carlos Ferrero (25), Daniel Koellerer (62), Jurgen Melzer (38), Juan Monaco (41)
  • Rafael Nadal, 2010: Novak Djokovic (3), Mikhail Youzhny (14), Fernando Verdasco (8), Feliciano Lopez (25), Gilles Simon (42), Denis Istomin (39), Teymuraz Gabashvili (93)
  • Novak Ðokovic, 2011: Rafael Nadal (2), Roger Federer (3), Janko Tipsarevic (20), Alexandr Dolgopolov (23), Nikolay Davydenko (39), Carlos Berlocq (74), Conor Niland (197)
  • Andy Murray, 2012: Novak Djokovic (2), Tomas Berdych (7), Marin Cilic (13), Milos Raonic (16), Feliciano Lopez (31), Ivan Dodig (118), Alex Bogomolov Jr (73)
  • Rafael Nadal, 2013: Novak Djokovic (1), Richard Gasquet (9), Tommy Robredo (22), Philipp Kohlschreiber (25), Ivan Dodig (38), Rogerio Dutra Silva (134), Ryan Harrison (97)
  • Marin Cilic, 2014: Kei Nishikori (11), Roger Federer (3), Tomas Berdych (7), Gilles Simon (31), Kevin Anderson (20), Illya Marchenko (163), Marcos Baghdatis (86)

Purtroppo i dati sul ranking nel 1982 non sono reperibili sul sito ATP. Le considerazioni che si possono fare sono tante, si potrebbe dire che è vero che il ranking non dice molto sullo stato di forma di un giocatore nel momento in cui gioca un torneo, però non esiste una misura oggettiva dello stato di forma a meno che ne creiamo una noi ad hoc ma dovrebbe comunque basarsi sui risultati ottenuti, difficile, se non impossibile, misurare la condizione fisica a livello anatomico o fisiologico. Un’altra considerazione che bisogna fare è che la struttura dei tabelloni sono “agevolati” per chi ha una testa di serie, chi sta più in alto si merita un tabellone più semplice e non incontra grosse difficoltà nei primi turni, ecco perchè le vittorie degli outsider hanno spesso un peso molto superiore rispetto a quelle dei top player come quella di Del Potro nel 2009 che dovette vincere contro Nadal prima e Federer poi e il giocatore con ranking più basso affrontato è stato Daniel Koellerer, numero 62, in quel momento.

Questo sono le teste di serie divisi per gruppo:

1-2: Djokovic – Federer
3-4: Murray – Nishikori
5-8: Wawrinka – Berdych – Ferrer – Nadal
9-12: Cilic – Raonic – Simon – Gasquet
13-16: Isner – Goffin – Anderson – Monfils
17-24: Dimitrov – López – Tsonga – Thiem – Karlovic – Troicki – Bautista-Agut – Tomic
25-32: Seppi – Robredo – Chardy – Sock – Kohlschreiber – Bellucci – Garcia-López – Fognini

Oggi alle 17:30 (ora italiana) ci saranno i sorteggi, sappiamo già che Federer e Nole non si potranno incontrare prima della finale, Murray e Nishikori in seconda fila in che parte di tabellone capiteranno? Si sarà il tanto agognato Fedal? E soprattutto ci sarà ancora qualcuno che crederà che Nadal esce prima per non affrontare Federer?

Ma la domanda più atroce che ci affligge è: se oggi apriranno il live su Ubitennis che cosa succederà?

Tabellone maschile

 

us-open-draw-Cerca-su-Twitter

us-open-draw-Cerca-su-Twitter-2

 

Tabellone femminile

 

 

Schermata-2015-08-27-alle-18.24.22