TML Review 2017: 2. Australian Open, Nadal vs Dimitrov. Quo vadis, Baby Federer?

Posted on 21 dicembre 2017

Le partite che maggiormente rimangono nell’immaginario collettivo sono quasi sempre le finali, per un semplice motivo: assegnano il titolo. Però ci sono delle non finali che possono emozionare anche più di un atto conclusivo di un torneo. E’ il caso di Nadal-Dimitrov agli Australian Open. I giornali tennistici e soprattutto non tennistici hanno parlato e straparlato della finale tra Nadal e Federer, una partita che supera il Pianeta tennis, ma quella tra Rafael e Greg è una grandissima partita, superiore in tanti aspetti al tanto sbasonato Fedal che ha visto trionfare Federer.

1° set

Dimitrov si presenta all’appuntamento come l’eterno incompiuto. Non è mai riuscito a piazzare la zampata che ti porta lassù, lontano a danzare con le stelle. Il giocatore c’è ed è qui che dimostrerà tanto. Dall’altra parte della rete c’è Nadal, eliminato nel primo turno l’anno precedente dopo un rocambolesco up and down con Verdasco. Qui ha già vinto nel 2009 e ora può bissare quel successo che allora sembrò straordinario e che nel 2017 potrebbe essere un miracolo.

Parte Nadal al servizio e si capisce fin da subito che non farà una partita ordinaria. Tanto per cominciare i primi 2 punti dell’incontro sono di chi risponde. Nel primo punto Rafa manda fuori la palla, ancora in quello successivo e siamo 0-30. Lo spagnolo si riprende parzialmente con una grande accelerazione di dritto, ma dall’altra parte arriva il vincente di rovescio lungolinea di Dimitrov. 2 nanosecondi di gioco e ci sono le prime 3 palle break. Si salva il campione del 2009 con un servizio, dritto e smash e poi con una tremenda seconda di servizio. Si va ai vantaggi e Nadal mette la testa avanti approfittando di un dritto lungo. C’è un parziale riscatto bulgaro che entra con i piedi dentro al campo per piazzare il dritto. La tds 9 piazza il primo servizio vincente della partita e vince il game approfittando di un rovescio di Greg che si spegne a rete. Primo game. 1 a 0 Nadal. E siamo solo all’inizio.

Dopo il 1° game fiume ne segue una easy con Dimitrov che non lascia nemmeno le briciole al suo avversario. Primo punto e primo servizio vincente per lui. Male poi il tentativo di demivolèe di Nadal. ACE. Challenge spagnolo, è inutile. 40-0. Altro e ace e si chiude.

Dopo il primo gioco combattuto sul suo servizio Nadal si difende bene nel 3°. Perde il primo punto per colpa di un dritto debole che si spegne a rete. Rimedia con un servizio e dritto ad uscire. Bene. E’ ancora penetrante con il dritto e 30-15. Servizio vincente ordinario e servizio e sventaglio di dritto indietreggiando. Straordinario, e 1° circoletto rosso del match. Non sarà il solo. 2 a 1 Spagna.

4° gioco e la bilancia comincia a pendere da una parte ben precisa. Primo punto inesistente. Servizio vincente. Nadal sale in cattedra e piazza un dritto profondissimo sui piedi di Dimitrov. Segue un rovescione vincente incrociato. Greg spedisce il drito a rete e ci sono 2 palle break. La prima sfuma grazie ad un ACE. La seconda non perdona: passante micidiale e BREAK NADAL.

Nadal va dritto come un treno. Gioco en blanco. Rafa è preciso, Grigor no. Nel mezzo c’è anche un ACE, ma sono di più gli errori della cover band bulgara che i meriti di chi serve. 4 a 1.

Dimitrov non vuole fare scappare l’avversario, però è sotto pesantemente. Se fin dall’inizio si è parlato di una grande partita non possono non esserci vincenti a profusione. Eccoci serviti. Vincente di dritto, ancora vincente e terzo vincente consecutivo. Indemoniato Greg. Back tagliato che si spegne a rete. No problem. Si chiude con un vincentissimo di rovescio. 4 a 2 e lo spettacolo sale.

Il Nadal di oggi è un Nadal di lusso, un Nadal formato semifinale contro Verdasco del 2009. E’ profondissimo con il rovescio, e pressa con il dritto costringendo all’errore l’avversario. Anche il servizio non vuole sfigurare e si chiude con 2 servizi vincenti. 5 a 2.

Dimitrov gioca bene, ma il parziale sembra andato. Tornerà utile nel prosieguo della partita. Intanto perché non scaldare i motori? Bene. Servizio vincente. Poi non va in porto il tentativo di passante di Nadal. Rovescissimo vincente di Greg che si esibisce anche in un serve&volley. Non va. 40-15. Si chiude con un servizio vincente di seconda. 5 a 3.

Nadal deve chiudere e chiude. Perde solo il primo punto mandando lunga la palla . Poi scende a rete a prendersi il punto. Servizio vincente e chiusura in bello stile con serve&volley con volèe alta. Primo parziale manacoregno.

Continua———->

Pagine: 1 2 3 4 5

Archivio

Clicca mi piace

Tennis is my life

Assign a menu in the Left Menu options.
Assign a menu in the Right Menu options.