TML Review 2017: 5. Roland Garros, Wawrinka vs Murray. La sciabola e il muro

Posted on 09 dicembre 2017

Nel 2017 c’è stato un dominatore sulla terra battuta. E’ sempre quel maiorchino dall’uncino mancino. Il torneo più importante su questa superficie è stato stradominato dal suddetto mancino. Man mano che passavano i giorni si contavano i record infranti e i game persi. Però nessuna delle partite giocate dal vincitore è stata spettacolare, la più bella è stata giocata da 2 “comprimari”. Comprimari, per modo di dire, da un lato c’è un ispiratissimo Wawrinka, la sciabola, e dall’altro il muro di Dunblane, Murray. Risultato: la più bella partita su clay del 2017 e non solo, sempre seguendo i gusti personali.

1° set

I 2 contenders della prima semfinale sullo Chathier sono 2 che a Parigi ci sanno fare. Wawrinka ha vinto nel 2015 nella splendida finale contro Djokovic, Murray l’anno scorso è arrivato in finale e, dato lo status da numero 1 del mondo, non è così utopistico pensare ad una zampata che qualche anno fa sembrava quasi una barzelletta. Parte Stan al servizio e si capisce fin da subito che ci saranno bombardamenti. Primo punto ed..ACE. Tanto per stare sereni. Vincente a 82 mph, seguito da passante vincente e poi chiusura con un servizio vincente di 2a. E siamo solo l’inizio. Stan continua a fare punti anche nel 2° game quando è lui a rispondere, però da qui comincia a svegliarsi Andy. O meglio è Stan a buttarla spesso fuori. D’altronde se ad ogni colpo cerchi il vincente o strappi applausi o prendi fischi. Tertium non datur. Tutto dipende da Stan, insomma, tranne nell’ultimo punto sul 40-15 dove è Murray a comandare. Servizio e dritto in contropiede ed 1 pari.

Nel 3° gioco Stan perde un po’ la bussola. Prima mette lungo il dritto, poi si riprende il punto con un mini-smash a chiudere. Gravissimo è l’errore che lo porta sotto 15-30. Schiaffo al volo da dimenticare. Era un colpo facile ed è andato largo. Game ondivago che prosegue con un punto svizzero che arriva dopo uno splendido rovescio e poi chiusura con il dritto. Murray tira fuori il fioretto e mette a segno un droppettino vincente con tanto di finta. 30-40 e prima palla break dell’incontro. Wawrinka per il momento si salva. Prima con 2 smash a chiudere, poi servizio vincente e chiusura in dritto per il momentaneo 2-1.

Il 4° game è show Murray. Si parte con un servizio vincente. Nel secondo punto siamo costretti a tirare fuori il pennarello rosso per disegnare un circoletto rosso. Bellissimo il drop vincente che mette in campo Muzza. Wawrinka non ci sta e spara un V2 di dritto in controbalzo vincente. Andy difende bene la rete e a Stan non riesce il passante. Il braccio di Svizzera 2 è caldissimo e spara un vincentissimo di rovescio strettissimo. Altro circoletto rosso. Non è l’unico. Nella faretra c’è ancora un’altra freccia. Bang! Missile vincente di dritto a 94 mph. Siamo sulla parità e non ci sono più sussulti. Servizio vincente di prima, servizio vincente di seconda e 2 a 2.

Nel 5° game non si gioca. 4 punti consecutivi per Stan che va via liscio. Nel primo punto c’è una discesa a rete dello svizzero per chiudere il punto. Poi sbaglia Murray e ancora ancora vincenti: uno in uscita dal servizio e un altro a seguire. 3-2.

Murray risponde con la stessa moneta. 4 punti in a row e allez! Servizio e schiaffo al volo per chiudere a rete. Scappa il dritto di Stan sul 15-0, poi ancora servizio a comandare con chiusura nel return on serve incrociato e game che si conclude con un servizio vincente.

Eccezionale è il 6° gioco. Al servizio c’è Stan che sbaglia prima un dritto che spedisce a rete, poi si prende il centro del campo come sarebbe uno scacchista e spara il vincente di dritto. Wawrinka è una furia cieca. Potenza a 1.21 Gigowatt. Vincente e ancora vincente. Però ogni tanto la rampa di lancio dei missili si inceppa e qualcuno non rimane in campo. Gli errori consecutivi sono 2 e si va ai vantaggi. Un servizio vincente fa respirare la tds 3. Murray mette a segno una grande risposta e siamo ancora sulla parità. Stan si tira fuori dagli impicci sempre con il rovescio, sempre con il vincente, questa volta in contropiede. Servizio vincente e 4-3.

L’8° game è la chiave del parziale, almeno fino ad un certo punto. Niente spoiler! Si parte con un servizio e dritto in gancio vincente. Nel secondo punto la traiettoria del dritto di Murray è alta. Male. L’errore si ripete anche nel punto successivo ed Andy è costretto a cambiare racchetta. Per fortuna del numero 1 del mondo c’è anche qualche stecca svizzera che lo fa respirare. Anche il servizio gli dà una mano con un unreturned che lo porta a 40-30. Male però nel punto successivo per lo scozzese che commette un gratuito troppo gratuito. La frittata è quasi fatta con il doppio fallo che arriva nel punto successivo. Prima palla break per Stan che non passa. Il suo rovescio si spegne sul nastro e siamo della seconda parità. Ritornano i missili e questa volta saranno ferali. Il primo è descritto in questo modo: vincente di dritto inside-out da fermo. Palla break. Il secondo è un passante vincente in recupero su un grande drop di Murray. Break Stan. Spettacolo alle stelle e lo Chathier apprezza.

Il vantaggio dello svizzero però dura poco. Quando è chiamato a confermare il break non è lucido come dovrebbe. Potrebbe anche approfittare degli errori gratuiti di Murray, ma è lui a commetterne di più. Il punto del 15-30 è emblematico. Rovescio sparato a 1000, OUT. L’arbitro scende in campo, controlla il segno e conferma. C’è un piccolo palliativo per lo svizzero, un servizio vincente, ma non serve, perché nel punto successivo tira fuori il dritto e poi ancora da fondo. Molto grave. Controbreak Murray ed ed equilibrio ristabilito.

Andy non si lascia pregare per ristabilire la parità anche nel numero dei game. Gioco en blanco e si sa sul 5 pari. Il gioco è molto veloce ed è sintetizzabile con queste parole: largo il rovescio di Wawrinka e dritto vincente di Murray. Fine.

Siamo sul 5 pari e il parziale sta andando troppo per le lunghe. Nessuno vuole mollare, o meglio molla e poi riprende. Si parte con il rovescio vincente di Wawrinka dopo un grande scambio sulle diagonali. Servizio e sventaglio a chiudere e 30-0. Il rovescio di Stan va ancora lungo. 30-15. Il tentativo di lob di Murray non va a buon fine. Sbaglia ancora Murray che rimane fuori dal campo e non recupera in tempo.

12° gioco con pochi sussulti che è anticamera del tiebreak. Nel primo punto c’è una palla bassissima che Wawrinka non riesce ad alzare. Il tentativo di lob di Wawrinka è lungo. Incredibile il punto che porta sul 30-15. Murray fa partire il drop che il vento sposta clamorosamente in corridoio. Il successivo dritto di Stan è fuori. Rimedia subito il numero del 3 del seeding con un rovescio inside-out devastante. Però non è così preciso nel punto successivo. 6 pari e tiebreak sia.

Il tiebreak del primo set è la sagra dei minibreak. Il primo arriva niente meno che con un doppio fallo. Lo commette Wawrinka. Quando è Murray a servire non usa a dovere il suo rovescio. 2° minibreak. E’ scozzese il 3° punto: Andy lascia andare la palla di Stan che è OUT, penetrando prima però il diritto dell’avversario. Servizio vincente di Wawrinka e 2 a 2. Segue una stecca. Altro minibreak. Svizzera 2 commette un errore gravissimo che gli costa il set: schiaffo facile al volo sottorete buttato ad minchiam. Si gira sul 4-2 Murray, ma anche Andy è in vena di regali. Spara un dritto a rete e 4-3. Ancora potenza devastante per il campione del 2015 e 4 pari. Arriva la rispostissima di Murray che poi chiude con il passante. Altro minibreak. Il numero 1 del mondo non vuole chiudere, anzi apre alla grande. Prima mette fuori il rovescio e poi perde il cheek to cheek a rete. Set point Stan. Svizzera 2 ricambia il favore e prima mette un rovescio a rete e poi non recupera un drop e dritto di Andy. Altri 2 minibreak. Murray chiude con un servizio vincente di 2a. Primo set scozzese e ben 9 minibreak.

Continua———->

Pagine: 1 2 3 4 5

Archivio

Clicca mi piace

Tennis is my life

Assign a menu in the Left Menu options.
Assign a menu in the Right Menu options.