TML Review 2017: 5. Roland Garros, Wawrinka vs Murray. La sciabola e il muro

Posted on 09 Dicembre 2017

4° set

Siamo 2 a 1 Murray, ma la partita deve ancora cominciare. Parte Wawrinka al servizio. Castagna e schiaffo al volo per chiudere. Servizio vincente. Errorino e 30-15. Servizio vincente di seconda e ancora schema Kramer, ancora non lo sanno, ma questo set filerà liscio come l’olio. Allora perché è eccezionale? Beh, per le bombe di Stan e le risposte di Andy. Easy.

Murray tentenna un po’ nel 2° game. Apre con un doppio fallo. Ahia. Stan aggressivissimo costringe all’errore l’avversario. 0-30. Ma è solo un fuoco di paglia. Andy resetta il suo radar e prima piazza un vincente di dritto. Poi un ace. Il primo dell’incontro. Ancora potenza nei colpi di Wawrinka ma con poco controllo. Bene Murray in controbalzo e 1 a 1.

Wawrinka al servizio. Lungo il rovescio. 0-15. Servizio vincente. 15 pari. Stan non riesce a trovare l’equilibrio nei suoi colpi e va sotto 15-30. La potenza è nulla senza il controllo, ergo la potenza è tutto con il controllo. Ne è la dimostrazione il punto del 30 pari in cui lo svizzero spezza le ali a Murray che non può nulla, forse può mettere la palla dall’altra parte, ma una facile volèe chiude il punto. Andy recupera anche 2 smash però poi sbaglia il drop. Malino. Il game si chiude con la tds numero 3 che è costretto a fare 2 volte il punto.

4° game che va via veloce. Murray sbaglia solo nel 2° punto con un unforced che non pesa nulla. Poi è il solito Stan senza controllo. Spara a destra, spara a sinistra e 2 a 2.

Quello che soffre maggiormente al servizio in questo scorcio di partita è Stan che però non va mai sotto a palla break. Wawrinka sbaglia il passante del primo punto. E’ dubbio. Scende l’umpire: è out. Subito tutto messo in chiaro con un missile di rovescio vincente a 96 mp/h. Nel punto successivo è bravo Murray a chiudere la rete e andare così sul 15-30. Stan alza i giri del motore, grande potenza e umore a 1000. Chiusura con un servizio vincente e 3 a 2.

Andy non le manda a dire. Vincente di dritto. 15-0. Servizio vincente. 30-0. Passante di rovescio di Stan. 30-15. No problems. Drop vincente. Bene. Servizio e dritto. Benissimo. 3 a 3.

Ancora Stan instabile, ma sempre senza inghippi. Doppio fallo per iniziare. Ahia. Come rimediare? Vincente di dritto inside-out. Wawrinka non è un fulmine di guerra a rete e si difende come può salvo poi essere passato da Murray che prova anche la soluzione del back però questo si infrange a rete. Attenzione. Circoletto rosso: passante chirurgico di dritto in corsa. Si replica anche nel punto successivo, però questa volta il campo è troppo piccolo per la potenza svizzera. OUT. Tutto calcolato. Si chiude con un servizio vincente e un servizio e dritto a chiudere. 4 a 3.

Seguono 2 giochi bianchi. Nell’8° non si gioca. Ci sono ben 3 servizi vincenti l’ultimo anche con annessa stecca dell’avversario. Anche Stan replica con un servizio vincente e si permette anche di fare serve & volley.

Nel 10° gioco si ricomincia a martellare pesantemente. Però nessuno sfonda. Si parte con un servizio vincente di Murray. 2° punto da cineteca con recuperi e controrecuperi da parte di entrambi. Alla fine ne esce vincitore Wawrinka. Che poi manda a peripatetiche il suo rovescio per 2 volte consecutive, salvo poi piazzare una rispostina vincente. Murray chiude approfittando di un errore di dritto di Andy. 5 a 4.

Altro gioco in bianco per Stan, ma questa volta molto spettacolare. Emblematico è il 2° punto dove lo svizzero piazza il dritto smorzato vincente. Poi c’è poco. Servizio vincente ed ace. Aspetta? Non avevamo detto spettacolare? Sì, allora non manca che piazzare il drop di Stan irrecuperabile per tutto il mondo. 6 a 5.

Si gioca poco anche nel 12° gioco. Murray perde solo il primo punto quando è ancora il rovescio elvetico a comandare. Murray copre bene la rete e costringe all’errore l’avversario. Siamo sul 6 a 6 e si va al tiebreak.

Parte Stan a battere e piazza la badilata di dritto. Questa volta il pressing è tutto rossocrociato. Murray non regge e concede il minibreak. Andy si salva quando è Stan a mandare il dritto a rete. Questa foga si ripete anche nel punto successivo e l’implicazione è facile: cerco di strafare? Unforced. Minibreak e 2 a 2. Wawrinka completa il suo turno con un servizio vincente. 3 a 2. Murray vuole inventarsi qualcosa e tenta il drop, colpo dove non è male. Non passa. Minibreak. 4 a 2 e si gira. Stan non lascia più niente al caso, copre bene la rete e trova angoli precisi e ferali allo stesso tempo. Andy cede le armi. E’ scarico e butta la palla fuori. Wawrinka si sposta sul dritto e mette una risposta vincente così come aveva fatto nel 2° set. Identico. 7 a 3 e parità assoluta ristabilita.

Continua———->

Pagine: 1 2 3 4 5

Archivio

Clicca mi piace

Tennis is my life