TML Review 2017: 4. Miami Open, Federer vs Kyrgios. Miami kitsch!

Posted on 13 Dicembre 2017

3° set

Nel 3° parziale Federer è incazzato come una biscia. Non riesce a mandare giù i 2 match point sprecati, però Nick non è da meno. Risultato? Scontro da ricordare.

Parte Federer al servizio. Primo punto che arriva facile con il rovescio. Il secondo arriva per un errore di Kyrgios che manda fuori il dritto in gancio. Servizio vincente e servizio e dritto. Insomma abbiamo capito che Roger non concederà nulla quando sarà lui a battere.

Anche Nick non scherza. Parte con un servizio vincente. Il secondo punto del 2° game è elvetico, nastro che accomoda la palla e vincente. Ancora servizio vincente e ancora errore di Federer che però questa volta non ha giustificazione del nastro; il suo rovescio passante è semplicemente fuori. Il game si chiude con un ottima difesa della rete da parte di Nick. 1 a 1.

Ancora Federer preciso e determinato. Servizio vincente in apertura. Il milionesimo. Poi rovescio che non passa e siamo sul 15 pari. Nick entra in campo sulla seconda, un’altra specie di SABR, ma invano. Invano è anche il dritto nel punto successivo. Roger prova il serve&volley sul 40-15. Bene il serve, ma il volley è scadente. Non conta nulla. La chiusura in smash suggella il 2 a 1 e si va avanti.

Nel 4°gioco Kyrgios si complica la vita. Dopo essere andato avanti 40-0 sempre con un grande servizio prodigo di ACE si inceppa. Prima arriva una grande risposta chiusa con uno smash. Ancora risposta aggressiva e dritto inside-in di Kyrgios fuori. Parità. C’è tempo anche per un time violation, come sempre dato a caso. Il shot clock era ancora lontano. Kyrgios difende bene la rete, Roger tenta il recupero, ma non va. Il punto successivo è in piene mani elvetiche. Federer fa tergicristallare il suo avversario e siamo ancora in parità. Segue un cheek to cheek a rete e vince l’australiano che chiude con un gancio di dritto vincente. 2 a 2.

Per la prima volta Federer si fa scappare il primo punto sul suo servizio colpa di un rovescio di poco fuori. Però è completamente ininfluente. C’è sempre il servizio vincente ad aiutarlo. E’ un altro rovescio fuori a creare un nuovo pericolo, ma sempre blando. 30 pari. ACE e risposta fuori di Nick che calcia la pallina in tribuna. Bordata di fischi per lui!

Da qui in poi suoi turni di servizio si gioca poco o nulla. Federer è un po’ nervoso e manda il dritto lungo di rabbia. Però rimedia poi con un dritto profondissimo. Nick non si fa pregare e piazza ancora un servizio vincente e un ace con in mezzo un dritto di poco fuori di Roger. 3 a 3.

Il 7° gioco si apre con un (quasi) serve&volley vincente. C’è anche modo di vedere un passante di dritto di Kyrgios. Federer non si lascia influenzare e piazza l’ace e ancora ottimo a rete. 4 a 3.

8° gioco molto easy con un servizio vincente in apertura. Poi fa tutto Roger che sbaglia un dritto che va lungo e un brutto drop dopo una seconda loffissima a 65 mph. Nick chiude e siamo sul 4 pari.

Roger parte ancora male e lo fa nel peggiore dei modi. Doppio fallo. Ancora non è il tempo della svolta però. Un vincente di dritto inside-out rimedia all’errore precedente. Kyrgios poi manca la palla e getta la racchetta a terra. Male. 2 servizi vincenti consecutivi chiudono il 9° gioco. Roger va avanti 5 a 4 e la palla diventa calda.

Nel 10° gioco Nick barcolla ma non molla. Lascia andare il primo punto con un serve&volley che muore a rete. Rimedia con un servizio vincente, ma è troppo irruento nel punto successivo e spara lungo il dritto. 15-30. Achtung! Ancora rischio, però questa volta la bilancia va dalla parte australiana. Rovescio pericolosissimo, ma dentro. ACE e 40-30. Federer entra in campo e semplicemente comanda. Però se dall’altra parte piovono bombe non si può comandare. Servizio vincente a 132 mph e serve&volley a chiudere. 5 a 5.

L’idea che ci possa essere un 3° tiebreak su 3 set non è utopia, anzi è una realtà con alta probabilità. Federer va spesso a rete a chiudere il punto e lo fa anche nell’11° gioco. Nick sbarella e boccheggia con il dritto per 2 occasioni consecutive. Droppettino vincente svizzero e 6 a 5.

12° gioco che si apre con un ace, il 14° per Nick. Spinge ancora Kyrgios e siamo sul 30-0. Nastro e palla fuori per Federer e sono appena passate le 3 ore di gioco. Roger ha il tempo di piazzare un risposta vincente su una seconda loffia, ma non serve a niente. Dritto vincente outside-in e tiebreak sia…

Primo punto per Federre. Questo si chiama: flick of wrist. Circoletto rosso. 1 a 0. Nick bene al servizio e 2 punti facili. 2 a 1. Federer tentenna e manda fuori il dritto inside-out. Minibreak e 3 a 1. Kyrgios è molle con il rovescio e per questo non piazza l’altro minibreak. Momento topico. Roger ferma il gioco convinto che la palla sia OUT. Rischio! Ha ragione. Il challenge conferma e punto capitale elvetico. 3 a 3. Nick piazza il servizio vincente e siamo sul 4-3 australiano. Ancora circoletto rosso: incredibile volèe di Federer su una fiondata di dritto di Kyrgios. Roger non è preciso sul punto successivo. Palla OUT. Challenge inutile. Minibreak. Kyrgios può chiudere, ma sì chiude…anzi si mura. Qui però c’è da fare una piccola cronaca. Il pubblico influenza pesantemente chiamando OUT la palla e Kyrgios si distrae. Male, molto male. Nick non è freddo e commette un doppio fallo nel punto successivo. Chiama il challenge sulla seconda, ma è inutile.  Federer ha la palla per chiudere: servizio vincente. Il kid di Canberra distrugge la racchetta. Sapeva di poter vincere e in fondo è stato il pubblico a vincere questa partita. Roger va in finale dove demolirà Nadal.

 

 

Pagine: 1 2 3

Archivio

Clicca mi piace

Tennis is my life